Home Los Periodistas Il nuoto è tenacia

Il nuoto è tenacia

80
(foto fonte web)

Le celebrità del mondo calcistico o di altri sport sono tutte molto note, calciatori e allenatori compresi. Ma cosa vuol dire essere allenatore di uno sport come il nuoto? lo spiegherà oggi il coach Carmine Vivo che possiede molti anni di esperienza in questo sport ed esprime il suo parere verso il nuoto con una frase “Il nuoto è tenacia”.

Cosa significa per te essere allenatore di uno sport come l nuoto quando al giorno d’oggi si preferiscono sport di squadra?

Essere allenatore di uno sport come il nuoto è motivante tanto quanto uno sport di squadra. L’ obiettivo di un allenatore di nuoto resta sempre quello di far crescere,migliorare,motivare un intera squadra a dare e fare il massimo.

Qual è la competizione più importante che hai vinto?

Ho vinto per svariati anni i campionati regionali che mi hanno permesso di partecipare con buoni risultati ai campionati italiani.

Hai mai avuto un infortunio grave che ti ha impedito di partecipare a una competizione?

All’ età di 18 anni ebbi un infiammazione al bicipite brachiale, piuttosto fastidiosa, che mi tenne fuori dal campo gara per circa 2 mesi.

 Cosa speri per il tuo team?

Spero in una crescita costante, sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista mentale; così da vederli migliorare come atleti ma soprattutto come persone.

Come motivi i ragazzi del team per fargli dare il massimo?

Per motivare i miei atleti cerco di capire ognuno di loro, ogni sfumatura dei loro caratteri, i loro problemi dentro e fuori dall’ acqua. Questo perché ognuno ha bisogno di essere motivato diversamente.

Come ti senti quando un tuo atleta vince una competizione?

Molto felice perché per me, vuol dire che fino a quel momento si è fatto un buon lavoro. Una vittoria è spesso fondamentale, motiva me e loro a fare molto meglio.

Pensi che l’ alimentazione sia importante anche per atleti che non sono a livello agonistico?

Penso che l’ alimentazione sia fondamentale per chiunque, indifferentemente se sia un agonista o meno. L’ alimentazione è alla base del benessere psico-fisico di un individuo.

Che rapporti hai con i tuoi atleti?

Ho un rapporto a metà fra una figura paterna e quella di un amico. Cerco di stare sempre dalla loro parte, capire i loro problemi, incoraggiarli per cercare di tirar fuori il massimo delle loro potenzialità.

Pensi che per i giovani d’ oggi lo sport sia importante?

Penso che sia fondamentale per i giovani fare sport. Permette ai ragazzi di mettersi in relazione con nuovi ambienti, nuovi amici, nuove regole, nuovi stimoli; per non parlare del benessere fisico che solo lo sport può dare.

Che tipo di persone praticano lo sport di cui sei allenatore?

Lo praticano persone molto motivate, meticolose, attente alla cura dei particolari; e non potrebbe essere altrimenti vista la concentrazione e la coordinazione di cui hanno bisogno per ogni atto motorio in acqua.

Credi che gli atleti che alleni ci mettano lo stesso impegno che ci mettevi tu anni fa?

Penso che ogni atleta sia diverso, ci sta chi ci mette il doppio dell’ impegno che ci mettevo io, e chi nemmeno la metà.

 

di Luigi Miranda  I C Liceo Scientifico