Home Ambiente Le speranze del Monte Somma

Le speranze del Monte Somma

491
I volontari presso la cappella del “Ciglio” (foto fonte Paranze del Monte Somma)

Paranza come speranza, quella di una Montagna così come quella di un’area protetta spesso lasciata a sé stessa o alla buona volontà dei pochi che realmente la vivono.

Le Paranze del Monte Somma hanno ancora una volta dato il meglio di sé stesse, sfidando la calura di questo giugno redivivo, che sta restituendo con gli interessi il credito dei suoi primi e straordinariamente freschi giorni. Anche quest’anno il raccolto è stato tutt’altro che magro, l’inciviltà di pochi e le vestigia di un passato poco edificante, ancora macchiano una tradizione fortemente radicata nel Vesuviano e onorevolmente portata avanti dalle Paranze del Somma e da molti altri volontari che singolarmente, come i fratelli Attanasio, o in maniera associativa, come Primaurora e il CAI, hanno dato man forte alla pregevole iniziativa.

21 sacchi di rifiuto raccolto dalla Traversa fino al Ciglio (Punta Nasone 1.131 m.slm.); mentre a localita Castello (S. Lucia, Vallone e pineta) sono stati raccolti 40 sacchi, più una latta di olio esausto e vari strati di guaina bituminosa; altri 5 sacchi, più altro materiale, raccolti lungo il tragitto che va da S. Lucia alla Traversa. Questo è il risultato di una mezza giornata di lavoro concreto, fuori dai riflettori delle grandi associazioni, dalle parate di acritiche scolaresche e da chi vive ancora di selfie più che di pala e rastrello.

La montagna è di chi la vive ma sappiamo tutti bene che questa verità si regge sull’esile filo di una consuetudine, tollerata finché alle autorità andrà bene; ciò vorrà dire che spetterà a loro dare la giusta legittimità ad una dignità già conquistata sul campo. Così come all’amministrazione conviene che i volontari puliscano la montagna, così dovrà aiutare loro nel gestire la montagna e le sue emergenze, non ultime quelle del dissesto idrogeologico e degli incendi sempre incombenti.

Per il momento viva la Mamma Schiavona! Viva la Montagna e cient’anne ‘e Paranze!

Articolo Correlato