Home Attualità Napoli, l’Assessore Gaeta risponde alla proposta di legge Cantalamessa

Napoli, l’Assessore Gaeta risponde alla proposta di legge Cantalamessa

130
Immagine stilizzata di minore in cella (Foto fonte web)
Assessore Gaeta: “Sbagliato abbassare età imputabile, bisogna colmare i vuoti socioeducativi” 
“Quando si parla soprattutto di ragazzi non si può parlare solo di repressione” è il commento dell’Assessore alle Politiche Sociali Roberta Gaeta, alla luce della proposta di legge depositata dal coordinatore leghista in Campania Gianluca Cantalamessa per abbassare l’età imputabile a 12 anni.
“Lascia sconcertati la proposta del deputato – continua l’Assessore- per un minore che delinque bisogna ragionare in termini di giustizia riparativa, non punitiva, al fine di superare il vuoto educativo del contesto socioambientale in cui è cresciuto fino a quel momento.
In questo senso, la proposta di Cantalamessa non risponde ai bisogni dei ragazzi, ma è distruttiva della vita degli stessi: in altre parole, va contro l’interesse del minore sancito dall’articolo 3 della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”.
“Sia chiaro – precisa la Gaeta – questo non significa “fare sconti” a chi delinque ma, piuttosto, lavorare in direzione del recupero della vita civile e sociale; rispondere ai bisogni educativi, esistenziali, familiari del minore, che sono specchio di una carenza del mondo degli adulti di riferimento. Invece di punire e attuare soluzioni dannose, bisogna capire perchè accadono gli episodi di violenza ed  intervenire in modo integrato, migliorando le maglie della rete sociale, territoriale e familiare che gravita attorno la vita del minore”.
“A Napoli – conclude l’Assessore- ci muoviamo da tempo in questa direzione, togliendo ragazzi dalle strade in modo proattivo: li coinvolgiamo in progetti di partecipazione sociale come i laboratori di educativa territoriale e i progetti per adolescenti, in cui loro hanno un luogo dove stare, relazionarsi, crescere in serenità.
Più che disegni di legge punitivi e securitari, si ascoltino i  bisogni dei territori e le buoni prassi delle comunità locali già attive per sottrarre alla criminalità e alla devianza il maggior numero di adolescenti.
Se il Parlamento ha intenzione di porre in essere interventi forti e significativi rivitalizzi provvedendo a finanziare congruamente leggi per la promozione di diritti e opportunità per l’infanzia e l’adolescenza che ha segnato e può segnare ancora uno spartiacque negli interventi socio educativi per infanzia e adolescenza”.
Comunicato Stampa