Home Ambiente Pollena Trocchia ancora scarichi abusivi in via Carcavone

Pollena Trocchia ancora scarichi abusivi in via Carcavone

281
Arte moderna in una delle microdiscariche di via Carcavone (foto di C.Teodonno)

A sei mesi dalla ricognizione della Rete Difesa Vesuvio che portò ad un esposto esemplare che metteva in luce tutte le criticità di un parco nazionale lasciato in balia di balordi e delinquenti, costatiamo ancora una volta lo stato d’abbandono di quei luoghi.

Siamo convinti che se una falsa informazione viene ripetuta di continuo questa, prima o poi, rischia di diventare una verità incontrovertibile per qualcuno; per questa ragione vogliamo agire in maniera opposta, facendo la nostra controinformazione e dimostrare che purtroppo il bengodi vesuviano non esiste e a onor del vero e per rispetto di tutti coloro che cadono vittime dell’inquinamento mostreremo le ferite della nostra terra.

Questa volta siamo tornati a Pollena per avere eventuali riscontri alle nostre segnalazioni della scorsa estate ma a distanza di sei mesi nulla è cambiato e, se si esclude la pulizia nella parte bassa, i cumuli di rifiuti speciali e pericolosi di via Carcavone stanno ancora tutti là ed alimentati da nuovi arrivi.

Inutile dirlo, anche in questo caso ci troviamo in area parco e per quanto ci si sforzi a definirla zona marginale resta area protetta e lo scempio è tale da essere insopportabile in ogni contesto, urbano come a maggior ragione rurale e naturale.

Ci dispiace rilevare questa realtà negativa in un comune alquanto virtuoso come Pollena Trocchia ma la reiterazione del reato ambientale non può lasciarci indifferenti, come cronisti e come cittadini. Ci chiediamo dunque perché queste situazioni sono rilevate quasi sempre dagli attivisti e non dalle autorità competenti, alle quali spesso gli stessi si rivolgono, forse c’è la volontà di non voler vedere? C’è forse la consapevolezza di non poter agire?