Home Territori Costa del Vesuvio - Miglio d'oro SAN GIORGIO A CREMANO, Ciro Di Giacomo giura amore a Silvio e...

SAN GIORGIO A CREMANO, Ciro Di Giacomo giura amore a Silvio e ad Elisa poi cambia idea e “rinnova la vicinanza” al dem Giorgio Zinno

141
elisa-russo-ciro-di-giacomo
Elisa Russo e il sangiorgese Ciro Di Giacomo

SAN GIORGIO A CREMANO – Con Elisa Russo che è la candidata del collegio Portici-San Giorgio del centro destra, anzi no, contrordine compagni: sostegno incondizionato a Giorgio Zinno, il suo sindaco dem che è anche il principale sponsor politico del candidato della coalizione di centro sinistra, il verde Francesco Borrelli.

Ciro Di Giacomo, per una vita forzista veste i panni del pasdaran zinniano e giura fedeltà politica al giovane sindaco dem.

La lista civica Iniziativa Sangiorgese – si legge in una nota diffusa dal Di Giacomo -, presente in Consiglio Comunale di San Giorgio a Cremano, con i consiglieri Grazia Esposito e Ciro Di Giacomo, dalla parte dell’Amministrazione Zinno, in occasione delle elezioni politiche del prossimo 4 marzo ha deciso di rinnovare la propria vicinanza a Giorgio Zinno ed alla sua maggioranza. “In un momento politico così delicato, riteniamo che rinnovare il sostegno al sindaco Zinno sia un atto di responsabilità verso la città e verso la stabilità politica e di governo. Le elezioni del prossimo 4 marzo devono costituire la prova in cui tutta la maggioranza deve stringersi intorno al primo cittadino” – fa sapere il Capogruppo Ciro Di Giacomo, che prosegue – “le scelte elettorali di noi tutti devono essere protese a rafforzare questa Amministrazione”. Quindi tutti coesi e vicini a Zinno e nessun dubbio sulla lealtà di Ciro Di Giacomo e Grazia Esposito che anche in occasione della prossima tornata elettorale sosterranno la coalizione in cui si rivede l’Amministrazione Zinno. “Ho avuto l’onore di conoscere ed incontrare candidati di altre coalizioni, ma purtroppo l’inserimento nei suddetti sodalizi di partiti culturalmente intellorenti e xenofobi, si pone fortemente in contrasto con la nostra cultura moderata e protesa alle fasce più deboli della popolazione“. – ha concluso il capogruppo Di Giacomo.

salvatore esposito