Home Attualità “Vita Vera Mixtape Aspettando la Divina Commedia”

“Vita Vera Mixtape Aspettando la Divina Commedia”

117
Copertina dell’ultimo lavoro di Tedua (foto fonte web)

Tedua e il proemio prima della grande opera.

Ogni grande opera della letteratura mondiale in particolar modo di quella italiana è sempre stata introdotta attraverso un proemio, con il quale i vari poeti anticipavano le gesta, gli amori e le storie che poi sarebbero state cantate e raccontate nell’opera primaria, e in egual modo questo accade ancora oggi con i rapper nostrani i quali sembrano sempre più essere gli eredi di un certo tipo di cultura lirica e testuale. Uno degli esempi più vicini in termini di tempo è Marracash, dove in “Quelli che non pensano” riprende l’inizio del proemio dell’Iliade e a questo non viene meno Tedua, il rapper di Cogoleto il quale durante gli anni ha abituato sempre di più i fan del rap e della trap italiana a un lessico molto ampio e a continue citazioni o anche solo leggeri riferimenti alla poetica italiana e in maniera particolare a De Andrè. Con il suo nuovo mixtape, Tedua sembra ancora di più avvicinarsi al prestigioso mondo della letteratura con il suo proemio nel quale decanta ciò che in maniera molto più approfondita verrà descritto nella “Divina Commedia”. Nei due volumi del mixtape troveremo in particolar modo riferimenti all’opera dantesca, la quale viene trasportata nel mondo della vita urbana, uno scenario al quale il cantautore ligure è molto legato, riuscendo a collegarla a esperienze di vita passata vissute dallo stesso Tedua oppure condivise con i suoi amici e attuali colleghi Rkomi ed Ernia i quali figurano all’interno dello stesso tape. Altra considerazione importante da fare sono le collaborazioni, che troviamo in quasi tutte le tracce del disco e come Virgilio e le varie anime accompagnano Dante verso la grazia divina, allo stesso modo gli artisti che hanno partecipato al progetto accompagnano Tedua alla selva oscura e all’inizio del suo viaggio. Detto questo, “Vita Vera Mixtape: Aspettando la Divina Commedia” è probabilmente tra le migliori uscite del post Covid-19, capace di caricarsi sulle spalle una grande eredità e di renderci quanto meno curiosi per l’uscita del nuovo album di Tedua.