Home - FOCUS SPACCA ITALIA – In Consiglio regionale centro sinistra e centro destra approvano...

SPACCA ITALIA – In Consiglio regionale centro sinistra e centro destra approvano ordine del giorno su Regionalismo differenziato. Astensione del M5S

149

Prima la Regione Calabria e oggi la Regione Campania. Il Consiglio Regionale campano a larga maggioranza – hanno votato insieme il centro sinistra e l’opposizione di centro destra – un ordine del giorno in cui il Consiglio regionale invita il governo regionale a richiedere a al Governo nazionale, sempre nelle more della definizione dell’Intesa di cui all’articolo 116 della Costituzione, di non assumere azioni volte alla riduzione delle risorse già assegnate alla Regione Campania in attuazione di norme statali ed atti di programmazione pluriennale, a partire dal ripristino dell’assegnazione delle risorse già sottratte dalla legge nazionale di bilancio per il 2019.

La convergenza dell’assemblea regionale campana – ha dichiarato il forzista Armando Cesaro – sulla mozione congiunta presentata da maggioranza ed opposizione rispetto al tema del regionalismo differenziato è un ottimo segnale. Sull’attuazione di nuove forme e modalità di autonomia delle regioni si gioca una partita decisiva per il futuro della Campania e dell’intero Sud. Oggi in Consiglio Regionale ha vinto il senso di responsabilità istituzionale al di là di ogni casacca politica. Sempre a difesa dei cittadini“.

Valeria Ciarambino, M5S

Astensione dai banchi del Movimento 5 Stelle. Dura Valeria Ciarambino, leader grillina in Consiglio regionale: “Non ci prestiamo alla farsa degli assassini politici della nostra Regione che oggi si travestono da difensori del Sud. Uno come De Luca che ha devastato sanità, trasporti, fatto crescere il numero dei poveri in Campania, buttato miliardi di euro di fondi europei, vorrebbe avere maggiori funzioni da gestire? Ma mi faccia il piacere!”.

“Pertanto – si legge in una nota diffusa dal Consiglio Regionale – con l’Ordine del Giorno, il Consiglio condivide e sostiene: l’impegno della Giunta Regionale a sollecitare il Governo nazionale ad audire la Regione Campania in via preventiva e, comunque, in tempo utile prima della conclusione del procedimento promosso da altre Regioni ai sensi dell’articolo 116 della Costituzione;  la promozione, nelle sedute tematiche, di un ampio confronto e coinvolgimento delle forze politiche, delle parti sociali e del mondo culturale, scientifico ed associativo, anche in raccordo con le altre regioni del Mezzogiorno; l’impegno della Giunta e del Consiglio regionale a promuovere un’autonomia ripartita ai sensi dell’articolo 116 della Costituzione perché la Campania, nel rispetto del principio di solidarietà nazionale sancito dall’articolo 119 della Costituzione, proponga un’apposita Intesa con il Governo nazionale volta a garantire ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia ai sensi dell’articolo 116 della Costituzione;  l’impegno della Giunta e dello stesso Consiglio regionale ad individuare le specifiche materie per le quali sarà promossa l’Intesa con il Governo nazionale nell’ambito di quelle previste dall’articolo 116 della Costituzione;  l’azione della Giunta e del Consiglio regionale volta a tutelare, nelle more della definizione dell’Intesa di cui all’articolo 116 della Costituzione, presso il Governo e il Parlamento gli interessi della Campania e dei suoi cittadini in tutte le sedi, politiche e giurisdizionali, anche mediante l’impugnazione degli atti amministrativi e normativi adottati e in via di adozione, in materia di autonomia regionale, che siano in contrasto con i suddetti legittimi interessi; la richiesta al Governo nazionale, sempre nelle more della definizione dell’Intesa di cui all’articolo 116 della Costituzione, di non assumere azioni volte alla riduzione delle risorse già assegnate alla Regione Campania in attuazione di norme statali ed atti di programmazione pluriennale, a partire dal ripristino dell’assegnazione delle risorse già sottratte dalla legge nazionale di bilancio per il 2019 (tra l’altro, risorse destinate alla materia ambientale e quota parte del fondo nazionale per lo sviluppo e la coesione FSC 2014-2020)”.