Home Attualità WWF, nuovo sequestro nel Casertano

WWF, nuovo sequestro nel Casertano

194
L’arma e il fonofil sequestrati (foto fonte autore del CS)

Il 13 novembre 2021, alle prime luci dell’alba, sono stati denunciati 2 cacciatori di frodo, che utilizzavano un richiamo elettroacustico vietato, nel territorio di Cellole (Caserta) (località pantano di Sessa Aurunca-Cellole, nei pressi della foce del fiume Garigliano, ai confini con la Regione Lazio), dalla vigilanza venatoria ed ambientale del WWF Italia – nucleo provinciale di Caserta.

Sono stati Sequestrati 2 fucili, munizioni, il richiamo elettroacustico vietato e tutta la fauna abbattuta, dai Carabinieri Forestale di Sessa Aurunca, intervenuti sul posto perché chiamati dalle guardie del WWF.

I due cacciatori di frodo che stavano in esercizio venatorio nei pressi di un laghetto, sono stati deferiti alla Procura di Santa Maria Capua Vetere attraverso i Carabinieri Forestali intervenuti grazie alla chiamata eseguita dalle Guardie del WWF.

C’è da evidenziare, inoltre, che il REATO di utilizzo dei richiami elettroacustici è particolarmente grave per il danno alla Natura, perché in questo modo i cacciatori di frodo con pochi colpi riescono ad abbattere un numero elevato di animali.

Il WWF Italia è parte del progetto SWiPE “Successful Wildlife Crime Prosecution in Europe”, finanziato dal programma europeo LIFE e mirato a rafforzare il contrasto ai crimini contro la natura tramite la collaborazione diretta con magistrati, rappresentanti delle forze dell’ordine e tutti coloro che hanno un ruolo attivo nelle azioni di investigazione e persecuzione di questi odiosi crimini.

Si coglie l’occasione per ringraziare l’Arma dei Carabinieri, specialità Forestale.

COMUNICATO STAMPA