San Sebastiano, al via il 12° motoraduno “Nocerino Calviati”

Locandina del motoraduno 2024

Il Raduno di auto e moto d’epoca del 2 giugno nasce da un’idea proposta da Giovanni Nocerino e dai fratelli Calviati (Pasquale e Luigi) che nel 2010 decidono di organizzare un raduno di auto e moto storiche dedicato ai rispettivi papà, Raffaele Nocerino e Giuseppe Calviati, storici commercianti legati al mondo dei motori attivi fin dagli anni 50, rispettivamente nella distribuzione di carburanti, lubrificanti e nella vendita di ricambi ed accessori auto, e scomparsi entrambi nel 2008.

Così è stato creato il “Memorial Raffaele Nocerino & Giuseppe Calviati”, giunto quest’anno alla DODICESIMA edizione.

Con gli anni si sono aggregati un gruppo di amici e collaboratori attivi in diversi settori (produzione enogastronomica e artistica, operatori culturali e tecnici dei motori), e nel 2018 è stata costituita l’apposita Associazione “VESEVO in MOVEMENT” e contestualmente all’evento originario è stata abbinata anche la degustazione gratuita e la diffusione dei prodotti tipici della rinomata panificazione locale e della ristorazione artigianale tradizionale del territorio Vesuviano, ampliando la manifestazione con l’evento “SAPORI E MOTORI ANTICHI

L’evento si tiene ogni anno sempre il 2 giugno in modo da far ricordare facilmente la data e renderla unica nel settore di riferimento ed è riservato ai veicoli di elevato interesse storico e collezionistico.

L’epicentro della manifestazione è in via Plinio, al centro del comune di San Sebastiano al Vesuvio che per l’occasione diventa isola pedonale, dove sostano e sono esposte le vetture e le moto partecipanti.  A seguire si svolge sempre una caratteristica sfilata per le principali strade cittadine e dopo si rientra al centro del paese dove vengono allestiti diversi Stand gastronomici per degustazioni gratuite, assaggi di prodotti tipici e prelibatezze culinarie artigianali per i partecipanti e per tutti i visitatori.

In Particolare il Buffet prevede tutti i prodotti tipici della lavorazione del famoso pane di San Sebastiano prodotto con il Lievito Madre e in particolare: pane, freselle, taralli, pizze ripiene, biscotti e altri prodotti da forno. Inoltre verranno cucinati sul posto ed offerti a tutti gnocchi e altre varianti di pasta artigianale, e sarà allestito anche un forno professionale su telaio di una Moto Guzzi anch’essa d’epoca per la preparazione e la cottura sul posto della pizza DOC Patrimonio immateriale Culturale dell’Unesco. Naturalmente non mancheranno primizie di pomodorini vesuviani, albicocche e frutta di stagione e a conclusione anche dolci tipici e vini del territorio. Il tutto per promuovere anche una genuina e sana alimentazione.

La prima edizione si è svolta il 2 Giugno 2010; e nelle ultima manifestazione ci sono stati circa 350 iscritti  e migliaia di visitatori. Ogni anno l’evento è cresciuto sempre di più numericamente e qualitativamente ed ha acquisito sempre più maggior valore attraendo i migliori collezionisti ed appassionati di tutta la Campania ed anche da altre Regioni d’Italia. L’anno scorso abbiamo avuto la partecipazione di equipaggi provenienti dalla Toscana e dall’Emilia Romagna in rappresentanza del GWCI (GoldWing Club Italia). Tra le auto esposte nel corso degli anni, ci sono stati modelli che hanno segnato la storia automobilistica mondiale, alcuni veri e propri pezzi unici o quasi. Per esempio: un’antica Fiat Torpedo 501 del 1919 la rarissima ARO 2 tempi a miscela prodotta in Cecoslovacchia nel 1932 in pochi esemplari, la Ford A del 1930, la Fiat mod. A del 1936 con i segni distintivi del Fascismo, la Fiat “Topolino” degli anni 40, la prima Fiat 1100 A e l’accattivante Musone degli inizi degli anni 50, la mitica Mercedes SL cabrio prima serie e la prima 190 degli anni 50, le splendide Jaguar E-type e XK del 1959, l’Alfa Romeo 6c Torpedo del 1945, l’ntrovabile Alfa Romeo Spider Bertone, la prima Giulietta, il mitico duetto Alfa Romeo “coda di seppia”. Inoltre non sono mancate Triumph degli anni 60, MG, Austin MK II, le Lancia: Ardea, Appia, Flavia carrozzata Zagato, e tra le fiat 500 la bellissima Cabrio Vignale e la 500 Cassonata Giannini, Ferrari Mondial, 208 e 308; l’intramontabile Porsche 911, le Americane Buick e Pontiac degli anni 60/70. Tra le due ruote sono da menzionare la Lambretta del 1948 con cambio a Barchetta, la bellissima Vespa Calessino (in tutto il mondo ne sono rimasti pochissimi esemplari), la Lambretta sidecar dei primi anni 50, MV Augusta del 1950, la splendida Moto Guzzi Falcone del 1954, una particolarissima moto inglese Enfield con cambio invertito e le storiche italiane degli anni 50/60: Benelli, Gilera, Laverda, Moto Morini e le prime serie della mitica Ducati Scambler

A tutti i partecipanti iscritti sono distribuiti oggetti ricordo prodotti da artigiani locali, confezioni personalizzate di prodotti da forno e gadget offerti dagli sponsor e partner tecnici che si alternano nelle varie edizioni, oltre a premi e trofei per i veicoli più interessanti e di alto valore collezionistico.

Accompagnamento musicale per tutta la durata della manifestazione, a cura della Siro’s Band.

COMUNICATO STAMPA