Cambiamo il panorama della Panoramica

Un tratto della via Panoramica (foto fonte web)

Se una strada prende il nome di panoramica ci sarà una ragione, e quella ragione, alle falde del Vesuvio, è lo splendido panorama che può offrire solo il Golfo di Napoli con le sue eterne bellezze. Purtroppo però, col passare del tempo, certi appellativi acquisiscono un significato diverso e spesso le vie panoramiche diventano sinonimo di monnezza e squallore.

Sì, la monnezza, il rifiuto di ogni genere che costella le vie del Vesuviano e in particolar modo quelle che da Torre del Greco conducono verso il Boschese. Tra queste spicca la cosiddetta via Panoramica, una lunga bretella che va appunto da Torre fino a Boscoreale e non è altro che una lunga e larga via provinciale (SS.PP. 33, 121, 344) che attraversa anche i comuni di Trecase e Boscotrecase culminando in quello che per ogni attivista vesuviano è il luogo simbolo della Rotonda di Boscoreale, là dove nel 2010 si manifestò a lungo contro l’apertura di cava SARI e quella paventata di cava Vitiello.

Orbene, ad oggi, la Strada Panoramica, luogo di ristoranti per cerimonie ma anche via d’accesso per un pregevole turismo enogastronomico, risulta essere una grossa discarica e questo non solo a causa dell’inciviltà di chi getta i rifiuti domestici dove gli pare, ma anche e soprattutto per quell’economia sommersa che smaltisce sul suo percorso o per le vie ad essa adiacenti, rifiuti speciali e spesso pericolosi.

È giunto il momento di dire basta a questa situazione, è necessario non dare più per scontato che il nostro panorama debba essere vista discarica e stavolta a dirlo non sono solo quelle associazioni da anni attive sul territorio ma vi si affiancano anche le aziende agricole e gli imprenditori vitivinicoli della zona, stanchi dell’abbinamento del loro lavoro e delle loro eccellenze al concetto di rifiuto e sporcizia.

Per questa ragione domenica 31 marzo, dalle ore 9:00 alle ore 13:00, ci si incontrerà tutti di fronte al ristorante Le Dune, associazioni ed imprenditori, assieme a tutti quei volontari che vorranno intervenire per supportare e collaborare all’evento, per ripulire, per quanto possibile, il tratto di Panoramica che dal luogo di incontro va fino alla Rotonda di Boscoreale.

Le associazioni impegnate saranno: Primaurora, I Falchi del Vesuvio, CAI/TAM, Fondali Campania, Salute Ambiente Vesuvio, Collettivo Volontari per il Vesuvio, Mamme vulcaniche, Let’s do It! Italy e Università Verde, mentre gli imprenditori saranno i seguenti: Cantine del Vesuvio, Cantine Matrone, Sorrentino Vini e Officina Vesuviana. Il Comune di Trecase e la Città Metropolitana hanno concesso il patrocinio all’evento e si è in attesa della partecipazione anche degli altri comuni territorialmente coinvolti.

Una giornata ecologica non cambia le cose ma l’esempio sì, e questa azione simbolica è necessaria per sensibilizzare la popolazione e per spingere le autorità a porre rimedio ad una situazione ormai critica e che pregiudica salute ed economia locale.

Comunicato Stampa