Rocco Hunt, sulle ali della Libertà

La copertina dell’ultimo album di Rocco Hunt (foto fonte web)

Come il famoso film di Frank Darabont con Morgan Freeman e Tim Robbins racconta un processo lungo verso la famosa libertà, allo stesso modo anche il nuovo album di Rocco Hunt, uscito il 30 agosto scorso, racconta il percorso che ha accompagnato per questi tre anni il rapper salernitano. Come Andy Dufresne, il quale viene incarcerato per 20 anni ingiustamente, nella stessa maniera Rocco Hunt, per tre anni ha dovuto attendere l’uscita di questo nuovo disco, nel quale mette tutto se stesso in un racconto dove esce il lato più profondo del rapper, il quale parla di quest’arco di tempo. L’album è costellato da un senso di grigiore quasi magico, portando l’ascoltatore nella vita di Rocco Hunt, nella sua relazione travagliata, al rapporto con la sua terra tanto amata e al suo successo nel mondo della musica. Un progetto ricco di collaborazioni di livello, dalle rivelazioni di Geolier, Speranza e Nicola Siciliano alla partecipazione della “vecchia guardia” del rap italiano con le figure di Gemitaiz, J-Ax, Neffa, dell’amico Clementino e di Achille Lauro. “Libertà” è un album leggero, nel quale pur affrontando temi delicati Rocco riesce a essere incredibilmente spontaneo.